francesco-e-benedetto

Raniero La Valle

Domenica 1 aprile, alle 2,15, all’ora presumibilmente in cui le donne sono andate al sepolcro trovando l’annunzio della Risurrezione, il Gruppo editoriale  «La Repubblica-l’Espresso», attraverso il blog dell’Espresso «Settimo Cielo»  (s.magister@espressoedit.it), sotto il titolo: Due papi, due Chiese. Le «fake news» di Francesco e il gran rifiuto di Benedetto ha messo in atto un’iniziativa la cui finalità appare essere la scissione della Chiesa cattolica in due fazioni, l’una fedele al magistero del papa Francesco, l’altra propugnatrice di un magistero e di una fede alternativi, che infondatamente, e contro la sua espressa volontà, vengono messi in capo al già Papa Benedetto XVI. Dopo la riproposizione delle note vicende della recente cronaca vaticana riguardo a una collana di diversi teologi a commento dei primi cinque anni di questo pontificato, la nota, uscita pure su «L’Espresso” n. 13 del 1 aprile 2018, si conclude infatti così: «con Francesco sono saliti in cattedra proprio i contestatori della morale cattolica insegnata dai precedenti papi. E quindi, se c’è una continuità tra lui (Benedetto XVI) e Francesco, questa è solo «interiore», mistica, perché nella realtà tra i due c’è una voragine, che nessuna «fake news» può occultare».

Addolora il fatto che un importante gruppo editoriale di potere, che ha un certo credito nel pubblico dei lettori per passate battaglie democratiche, insista su una campagna volta alla divisione della Chiesa e alla riproposizione di un conflitto, ormai abbandonato dalla modernità, tra laici credenti e non credenti.

 


ABOUT THE AUTHOR

Redazione

You must be logged in to post a comment.