concilio di Nicea

«La Chiesa del primo millennio predicava il matrimonio monogamico ma esercitava la misericordia nei confronti di coloro che non erano riusciti a realizzare questo ideale. I divorziati-risposati erano sottoposti alla penitenza pubblica, ma, dopo un anno o due, venivano riammessi alla piena comunione ecclesiale ed aucaristica».  Ad affermarlo è il teologo don Giovanni Cereti, che, nel recente libro Matrimonio e misericordia (Edizioni Dehoniane Bologna), riprende e sintetizza circa quarant’anni di studi da lui dedicati a un tema che resta fra i più dibattuti in vista del prossimo Sinodo sulle famiglia.

Un tema dibattuto

La possibilità che i divorziati e risposati “accedano ai sacramenti della Penitenza e dell’Eucaristia”, appoggiata dall’autore di questo saggio, è infatti prevista – com’è noto – dal paragrafo 52 della relazione conclusiva (Relatio Synodi) del Sinodo straordinario sulla famiglia del 2014. Il testo non ha ricevuto la maggioranza qualificata dei due terzi dei voti e dunque non è stato approvato dai padri sinodali, ma è stato pubblicato e inserito nell’Instrumentum laboris del Sinodo di quest’anno e resta dunque un’ipotesi di lavoro. Diverse e autorevoli sono le pubblicazioni che si contrappongono alla tesi propugnata da Cereti in questo come in altri suoi precedenti lavori. Di esse si dà conto nell’appendice bibliografica del volume delle Dehoniane.