Evangelii Gaudium

«Questa economia uccide davvero!». Non ha dubbi Jean-Paul Fitoussi (economista all’Observatoire français des Conjonctures Economiques di Parigi e alla Luiss di Roma) quando gli si chiede un commento sull’implacabile atto d’accusa di papa Francesco contenuto nella sua Esortazione apostolica Evangelii Gaudium. «Questa economia uccide, e uccide in diverse maniere – spiega Fitoussi –. Innanzitutto attraverso l’enorme disuguaglianza che c’è nel mondo, con una crescita che favorisce pochissime persone che vivono sulla sofferenza degli altri. Poi, uccide anche con politiche sbagliate. C’è un fatto che mi ha molto colpito: in Grecia, la mortalità infantile è cresciuta a causa delle politiche di austerità che hanno fatto pagare ai bambini cose che con loro non c’entrano nulla”».

Non è un papista, Fitoussi. Anzi. «Io sono totalmente laico, non sono religioso. Ma se una persona, fosse anche il papa, dice cose che mi piacciono, allora le dico anch’io, perché su molte cose la pensiamo allo stesso modo».